Programma

22 Luglio 2021

ore 21:30

THE CALL WITHIN

Tigran Hamasyan – Piano / Vocals
Marc Karapetian – Bass
Arthur Hnatek – Drums

Il pianista armeno Tigran Hamasyan è senza dubbio uno dei più grandi talenti planetari di questi anni, capace di mostrare un’impressionante abilità al pianoforte e un profondo senso compositivo. È a suo agio sia con il jazz che con la musica classica, il rock e la musica sacra armena. L’infanzia di Tigran è stata caratterizzata dalle molte sfide legate alla guerra tra Armenia ed Azerbaigian. In quel periodo, infatti, la luce elettrica non era disponibile nelle case, ma la madre di Tigran è riuscita a spingerlo ad imparare il pianoforte. Ora è noto in tutto il mondo soprattutto per il suo talento nell’improvvisazione e nel “sentire” la musica, oltre che per la sua capacità di portare il pubblico in un’altra dimensione.

https://www.tigranhamasyan.com
https://www.arthurhnatek.com

24 Luglio 2021

ore 21:30

NOT(T)E DI STELLE

BARBARA FRITTOLI soprano
LAURA VERRECCHIA mezzosoprano
FRANCESCO PIO GALASSO tenore
AMBROGIO MAESTRI baritono
ANTONIO DI MATTEO basso

PAOLO MICCICHE’ visual director
DAVIDE BROCCOLI visual designer

ELISABETTA MASCHIO direttore d’orchestra
ORCHESTRA FILARMONICA ITALIANA

Con la partecipazione di
MADDALENA CALDERONI soprano
e LINEAdARIA danza verticale

Un evento immersivo con la partecipazione di un cast lirico stellare, danzatori in parete e video mapping per raccontare alcune delle più celebri pagine operistiche che da secoli incantano il pubblico.

Il programma prevede brani da Il Barbiere di Siviglia, Il Flauto Magico, Carmen, La forza del destino, Simon Boccanegra, Pagliacci, Adriana Lecouvreur, Turandot e Manon Lescaut.

Ambrogio Maestri
Elisabetta Maschio
Paolo Miccichè
Orchestra Filarmonica Italiana

27 Luglio - 1 Agosto 2021

ore 22:00

VIII EDIZIONE

Torna il festival internazionale nato nel 2014 dedicato all’arte audiovisiva e alla musica elettronica, che incorporerà lo spirito di ricerca e di indagine sul territorio di Before and After, l’edizione speciale pensata nel 2020. Alla sua tradizionale identità sperimentale Nextones durante il giorno esplora il territorio proponendo attività e performance per valorizzare alcuni dei luoghi naturalistici più belli delle Valli dell’Ossola mentre di sera nel Teatro Natura si propongono alcuni degli show audio/video più interessanti del panorama europeo del 2021.

https://nextones.eu/

31 Luglio 2021

ore 21:00

THE END OF THE WORLD

LUBOMYR MELNYK pianoforte
JULIA KENT violoncello
SPIME.IM visual art, sound designer and electronic music

https://www.theendoftheworld.eu

The End of the World è un’opera multimediale che vede coinvolti il pianista ucraino Lubomyr Melnyc soprannominato il profeta del piano e creatore della continuous music, ovvero un flusso ininterrotto di note che scorrono velocissime, l’innovativa violoncellista canadese Julia Kent e il collettivo torinese Spime.IM

La partitura, come il titolo suggerisce, denuncia il disastro ecologico e ambientale che il pianeta Terra sta affrontando per mano dell’uomo che con caparbietà perpetua senza sosta. Per ottenere il massimo impatto drammatico questa opera è infatti concepita come un’esperienza multimediale coinvolgente con artisti che suonano strumenti classici come pianoforte e violoncello e artisti digitali che suonano con wearable controllers (un sintetizzatore di guanti personalizzato sviluppato dal nostro partner Remidi) per interazione audiovisiva con il suono e immagini.

I contenuti video partono da una raccolta di big data legati all’attuale cambiamento climatico e di eventi ambientali.

Sound Engineer: Maurizio Borgna
Data curation: Elisa Bernardoni

Prodotto da Nextones, Superbudda, Basemental, LEV Festival, Museo Serralves Oporto, Snaporazverein.

http://www.lubomyr.com
https://juliakent.com
https://spime.im

6
8
Agosto
2021
Modulo di iscrizione Evento con posti limitati

6 - 8 Agosto 2021

AWARENESS CAMPUS

Pratiche di consapevolezza nella natura

a cura di Gabriele Vacis e dell’Istituto di pratiche teatrali per la cura della persona

Oggi c’è molta più gente che fa teatro, che danza, di quanta non vada a vederli teatro e danza. Accade quindi che molti artisti non percepiscano più l’azione sociale come un dovere civile o una benevola elargizione. I grandi maestri del Novecento hanno ispirato queste strade del teatro.
Il coinvolgimento del cittadino, della persona, nel lavoro artistico è ormai la poetica di molti attori, drammaturghi, registi. L’arte non è più solo creazione di forme ma anche interazione.” Gabriele Vacis

A CHI SI RIVOLGE

Il percorso si rivolge a educatori, attori, operatori sociali, insegnanti, psicologi, musicisti, danzatori, personale medi­co-sanitario, cantanti, a tutte le persone che si trovano ad affrontare lavori a contatto con gruppi di persone e scelgono di utilizzare lo strumento del teatro sia in ambito artistico che sociale.

IL SEMINARIO

Il seminario, di natura pratica, è incentrato sull’importanza del TEATRO INCLUSIVO ossia come opportu­nità di INTEGRAZIONE, CONDIVISIONE e COESIONE. Si potrà sperimentare il metodo sviluppato dall’Istituto di Prati­che Teatrali per la Cura della Persona, che si fonda sull’esercizio costante e rigoroso della CONSAPEVOLEZZA definita col termine AWARENESS e dell’ATTENZIONE, e sul RESPIRO COMUNE (la SCHIERA), uno strumento articolato di costru­zione della propria presenza e un modo di riflettere sullo spazio e sulle relazioni, sul corpo che si mette in ascolto degli altri corpi per creare azioni comuni.

OBIETTIVI

Gli obiettivi principali si trovano all’interno del lavoro formativo intrapreso da Vacis nell’Istituto di Prati­che Teatrali per la Cura della Persona, che trova tra le sue motivazioni l’utilizzo del teatro come oppor­tunità di inclusione, integrazione e condivisione. L’obiettivo primario è, anzitutto, saper stare consapevol­mente in relazione con gli altri in scena come nel quotidiano.

Non sono solo gli attori ad aver bisogno di una conoscenza profonda di sé stessi e degli altri: tutte le persone ne hanno bisogno. Le tecniche del teatro si prendono cura della persona da sempre. La trage­dia, nella Grecia classica, era il luogo dell’incontro della comunità. Le pratiche del teatro supportano la socialità, la medicina, l’educazione. Perché alla base di queste necessità umane c’è sempre la capacità di STARE. Di abitare consapevolmen­te il proprio tempo e il proprio spazio. In autonomia o in relazione agli altri esseri umani.

IL GRUPPO DI LAVORO

Direzione e coordinamento: Gabriele Vacis e Roberto Tarasco

2 GUIDE Corpo, 2 GUIDE Voce, 2 GUIDE Narrazione, 2 GUIDE VideoAzione.

INDICAZIONI UTILI PER I PARTECIPANTI

Abbigliamento estivo da montagna. Un costume da bagno e un grande asciugamano.

Per il seminario è raccomandato un vestiario comodo (preferibilmente senza scritte, disegni), un paio di camicie a quadri. Si suggerisce l’uso di calze antiscivolo e scarpe da trekking.

Vi chiediamo di portare inoltre: una tazza per la colazione, una borraccia per l’acqua, un quaderno, una pila , la tua federa preferita, qualche piccolo oggetto che porteresti con te per fare di un luogo anonimo la tua casa.

In caso di maltempo alcune attività si svolgeranno al chiuso in spazi che consentono l’applicazione delle normative sanitarie vigenti.

LA TUA PRESENTAZIONE

Durante il campus ti chiederemo di presentarti. Potrà essere un tuo ritratto raccontato; ma anche una canzone, una danza, un video… Qualcosa che permetta di capire più precisamente possibile chi sei. 

COSTO

La quota di iscrizione è di € 380 e comprende la partecipazione a tutte le pratiche, i percorsi nella natura, le LECTURE e i DOCUFILM, i pasti e l’ospitalità per 3 notti in camerate fino a 4 persone comprensive di biancheria e l’assicurazione.

Per chi desidera un altro tipo di alloggio ( albergo o B&B) e per i residenti in zona la quota di partecipazione è di € 340 comprensiva di tutti i pasti.

Le iscrizioni ad Awareness Campus sono chiuse.

I PASTI

Saranno garantite al gruppo le colazioni (dalle 8.30 alle 9.30), i pranzi (dalle 13.00 alle 14.30 a seguire pausa-relax fino alle 15.00), le merenda delle 17.30 e le cene (dalle 20.30 alle 21.30) cercando di venire incontro alla sensibilità alimentare di tutte e tutti. Se c’è qualcosa da comunicarci su questo aspetto non esitate a farlo.

L’OSPITALITA’

Sarà garantita l’accoglienza presso la foresteria di Crodo in camerate con letti singoli e a castello e con bagno esclusivo, che potranno accogliere fino a 4 persone per un numero massimo di 40 persone.

Per esigenze particolari l’organizzazione è in grado di fornire contatti di B&B e strutture alberghiere a costi convenzionati.

COME RAGGIUNGERE CRODO CON I MEZZI PUBBLICI

La stazione ferroviaria più vicina è Domodossola, poi si prosegue in autobus.


Le attività sono reperibili sul sito:
www.listituto.it

AWARENESS CAMPUS 2019
https://www.listituto.it/index.php/archivio/awareness-campus-2019

AWARENESS CAMPUS 2017
https://www.listituto.it/awarness-campus

SCHIERA ALESSANDRIA 2011
https://www.youtube.com/watch?v=wPEi2q_yOHI&t=1s

Si ringrazia il Comune di Crodo per l’ospitalità concessa al Campus.

7
Agosto
2021

7 Agosto 2021

ore 21:00

Chiesa di Crodo

PULCHRA ES, MUSICA

THE BLOSSOMED VOICE

Ingresso gratuito

Il gruppo vocale si esibisce a parti reali, concentrato su un repertorio che abbraccia un periodo storico ampio e che spazia dalla polifonia sacra e profana rinascimentale sino a quella contemporanea, con cenni di musica pop del XX secolo.

https://www.theblossomedvoice.it

26 Agosto 2021

RIVERBERI JAZZ


26 agosto 2021

CORRESPONDENCE

GIANLUCA PETRELLA E PASQUALE MIRRA
Trombone, elettronica, vibrafono e percussioni.

ORE 22

Un duo atipico in un gioco di equilibri tra melodia, ritmo, armonia ed elettronica.

La voglia e la curiosità di entrambi di esplorare con leggerezza territori musicali diversi nei quali potersi soffermare e insieme riprendere un nuovo percorso da seguire lasciando che la musica possa determinarne il tragitto grazie alla speciale sintonia tra i due grandi musicisti.

WAIKIKI

Contemporary Quartet

ORE 21

Il gruppo composto da Davide Merlino, Andrea Cocco, Alessandro dell’Aglio, Davide Broggini si presenta come un quartetto di percussioni classico, ma non disdegna l’utilizzo dell’elettronica e dei synth durante le esibizioni dal vivo. Il repertorio è incentrato su composizioni scritte nel terzo millennio, alcune delle quali originali dedicate alla formazione, altre di autori quali Philip Glass, John Psathas e David Skidmore.

http://www.gianlucapetrella.it

27 Agosto 2021

RIVERBERI JAZZ


27 agosto 2021

RITUS

DANIELE DI BONAVENTURA

ORE 21

Rìtus è una sorta di viaggio sonoro che si snoda in una sequenza di struggenti suggestioni emotive, caratterizzate da una toccante personalizzazione esecutiva, insita del ritrovarsi da solo con il proprio strumento: il bandoneon. Durante il concerto ci si ritrova, pertanto, nel mezzo di un “rito celebrativo”, creato dalla stesura di composizioni originali dello stesso bandoneonista, che vanno da evocazioni di canti sacri a passi di danza di sapore mediterraneo, cogliendo quel velato pathos, quell’impercettibile malinconia, che donano alle trame talune nuances chiaro-scurali.

GONG, IL SUONO DELL’ULTIMO ROUND

ORE 22

LUCA AQUINO tromba, elettronica
ANTONIO JASEVOLI chitarra elettrica
PIERPAOLO RANIERI basso elettrico, elettronica
Special guest MANU KATCHE’ alla batteria e percussioni
con i testi e la voce narrante di GIORGIO TERRUZZI
e le video opere di MIMMO PALADINO

Il trombettista Luca Aquino racconta in musica le grandi storie della boxe: da Carnera a Muhammad Ali, passando per Sugar Ray Robinson, Nicolino Loche, Carlos Monzon, fino a Tyson. Servono tutte le note possibili del jazz per raccontare le imprese, le vittorie ma anche le grandi sconfitte di questi atleti entrati nel mito della boxe. La musica di Luca Aquino Trio, con i visual curati dal grande Mimmo Paladino, caposcuola della transavanguardia italiana, i testi di Giorgio Terruzzi, tra le penne più brillanti e note del giornalismo sportivo italiano e la batteria del francese Manu Katchè, riesce qui a mettere in luce anche l’uomo che si nasconde dietro il grande campione, con le sue fragilità, i suoi sogni e i fallimenti.

Sei storie di pugili per sei fantastiche parabole di vita, dove vincere o perdere non ha molta importanza, quando la grande impresa è riuscire a salire su quel ring.


http://www.danieledibonaventura.com
https://www.lucaaquino.com
http://www.manu-katche.com
http://www.mimmopaladino.it

3
5
Settembre
2021

3 - 5 Settembre 2021

Un festival dedicato alla montagna, alla natura e alla vita all’aria aperta. Un nuovo format della Fondazione Tones on the Stones che esplora i temi del rapporto tra uomo e natura, della cultura della montagna ad ogni latitudine e delle attività sportive.

Un festival non solo per alpinisti o esperti, ma un momento di riflessione a 360° sulle tante sfaccettature della montagna che si sviluppa attorno agli spazi di TONES Teatro Natura, il nostro ideale “campo base”, il luogo da dove partono tutte le iniziative e si dipana la trama della manifestazione.

https://campobasefestival.it/